20/19 - REPORT WAS (WASTE STRATEGY): EMERGE L’ INSUFFICIENZA DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO

Edizione n°20 del 10/12/19

DAL REPORT ANNUALE DI WAS (WASTE STRATEGY) EMERGE L’INSUFFICENZA DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO

Il Report annuale di WAS (Waste Strategy), un “think tank” sulle strategie di gestione rifiuti, presentato il 28 novembre scorso  a Roma in presenza di esperti e stakeholder del settore e di rappresentanti ISPRA ha rilevato che, nonostante l’aumento della raccolta differenziata (dal 55,9% del 2017 al 58,8% al 2018), si rischia paradossalmente di non riuscire a raggiungere gli obbiettivi europei (fissati per riciclo al 65% e per il recupero energetico al 25%) perchè mancano gli impianti.

Anche il mal collocamento degli stessi impianti nel territorio nazionale produrrà ripercussioni sulla transizione verso la tanto proclamata economia circolare.

In Italia non manca la tecnologia ne la voglia di investimenti che però si concentrano solo in alcune aree del paese. Occorre pertanto una pianificazione regionale preceduta da una attenta analisi dei fabbisogni con un occhio attento alle situazioni di emergenza permanente.

Anche un precedente studio  presentato a Ecomondo  2019 di Utilitalia  la Federazione che riunisce le aziende dei servizi pubblici dell’Acqua, dell’Ambiente, dell’Energia Elettrica e del Gas (http://eventi.utilitalia.it/download/Ecomondo_2019/Rassegna%20Stampa%20Ecomondo%202019.pdf ), aveva evidenziato come gli attuali impianti in Italia siano numericamente insufficienti e mal distribuiti sul territorio, costringendo il nostro Paese a ricorrere in maniera ancora eccessiva allo smaltimento in discarica.

  

Il Report di WAS su:

http://www.greenreport.it/wp-content/uploads/2019/11/Sintesi-WAS-Annual-Report-2019-RISERVATA.pdf

 

 

Ringraziando per l'attenzione porgiamo cordiali saluti.

 

 

CER Code - Mobile app

La tua Guida sul Catalogo Europeo dei Rifiuti.
CERcode permette di effettuare ricerche veloci e puntuali in pochi istanti, direttamente dal tuo smartphone. L'applicazione è completamente gratuita.

 

orim

 

Nel pieno rispetto dei DPCM del 9 e 22 Marzo 2020, e consapevole di ricoprire un ruolo cruciale di pubblica utilità, ORIM SPA continua a garantire la continuità del servizio mettendo in pratica tutte le misure cautelative necessarie per la salute di ognuno.